Interesse elevatissimo per i Biostimolanti in Campo

5 Luglio 2022

Il successo di pubblico alla giornata di visita alle parcelle sperimentali di Biostimolanti in Campo testimonia il crescente interesse di agricoltori e tecnici verso questa categoria di prodotti e, allo stesso tempo, la necessità di approfondirne i meccanismi di azione.
Nonostante il caldo, infatti, sono stati tantissimi i visitatori che hanno affollato il campo di sperimentazione allestito presso il Centro Ortofloricolo Po di Tramontana di Veneto Agricoltura lo scorso 1° luglio per vedere i primi risultati dei 20 diversi biostimolanti utilizzati nelle 13 parcelle su pomodoro da industria, melone e lattuga.

Prime impressioni molto positive

«Adesso è ancora presto per una valutazione di efficacia su resa e qualità delle colture – ha evidenziato Franco Tosini, responsabile del Centro Sperimentale Po di Tramontana e coordinatore tecnico del progetto – ma, almeno visivamente, si notano alcune differenze tra le tesi che hanno ricevuto i biostimolanti con la tesi testimone. Su melone le piante mostrano una maggiore vigoria e su pomodoro sembrerebbe ci sia anche un numero di bacche superiori. A confermare questa impressione saranno però i numeri alla raccolta, che molto probabilmente inizierà questa settimana per il melone, e a breve per lattuga e pomodoro».

Incontro tra Ricerca e operatori

«Giornate come quella di oggi sono importanti per permettere agli operatori del settore di toccare con mano il lavoro della ricerca universitaria – ha detto Paolo Sambo, professore presso l’Università di Padova e componente del comitato scientifico di Biostimolanti in Campo – soprattutto per argomenti relativamente nuovi come i biostimolanti, che rappresentano un tassello molto importante per le colture orticole nell’ottica dei cambiamenti climatici».
«Le tante informazioni che raccoglieremo da questa sperimentazione – ha aggiunto Domenico Ronga, professore dell’Università di Salerno e componente del comitato scientifico di Biostimolanti in Campo – saranno sicuramente di elevato interesse per la filiera orticola nazionale e proprio per questo saranno oggetto di un convegno che verrà organizzato presso il Centro Po di Tramontana a fine ottobre».
Durante la giornata in campo sono intervenuti anche Carlo Salvan, presidente di Coldiretti Rovigo e vicepresidente di Coldiretti Veneto e Vanni Bellonzi, presidente dell’ordine degli agronomi di Rovigo. Entrambi hanno espresso vivo apprezzamento verso l’iniziativa, che ha il merito di divulgare verso gli utilizzatori, senza creare inutili competizioni tra i diversi marchi, le corrette strategie di impiego dei biostimolanti in orticoltura, «prodotti che – ha sottolineato Antonio Boschetti, direttore de L’Informatore Agrario – giocheranno un ruolo fondamentale nella difesa e nella nutrizione delle colture in sinergia con agrofarmaci e fertilizzanti, supplendo alla diminuzione di utilizzo prevista dalla strategia Farm to Fork».

Lorenzo Andreotti

Potrebbero interessarti

1 Luglio: Giornata dimostrativa

1 Luglio: Giornata dimostrativa

1 luglio 2022 - ore 9.30 Termine per le registrazioni online: 29 giugno ore 16.00 - Dopo tale termine le registrazioni proseguiranno sul posto in occasione dell'evento presso Veneto...

Scopriamo il progetto Biostimolanti in Campo

Scopriamo il progetto Biostimolanti in Campo

Le strategie di nutrizione che prevedono l’impiego dei biostimolanti aiutano le piante a combattere gli effetti del cambiamento climatico, rendendole più resistenti agli stress ambientali e...